51 giocatori al 2° Festival di Mendrisio

di Claudio Boschetti

È stata una scelta vincente quella di portare la 2° edizione del Festival di Mendrisio al centro congressi dell’hotel Coronado. I giocatori, provenienti da 6 nazioni suddivisi in Master e in General Open, si sono sentiti a proprio agio nella spaziosa e comoda sala.

Il Master se lo è aggiudicato il GM russo Igor Naumkin, precedendo per spareggio tecnico il forte esponente del team Mendrisio, il lituano Oleg Zujev. L’ultimo gradino sul podio se lo è conquistato il campione del mondo senior in carica, il GM ucraino Vladimir Okhotnik. Come miglior svizzero si è imposto il luganese Vladimiro Paleologu che ha fatto un ottimo torneo. Il chiassese Medici ha realizzato nuovamente un’ottima performance (nonostante un involontario forfait concesso al terzo turno) e sarà certamente uno dei prossimi ticinesi a riuscire a superare i 2300 Elo per il titolo di FM.

Nel General Open un altro ticinese ha fatto un piccolo miracolo. Il suo nome è Mirco Dotta. Dopo 20 anni di pausa scacchistica è tornato alla grande vincendo con 4,5 su 5 l’Open generale. Lo hanno accompagnato sul podio il confederato Jean-Claude Schmidig e il simpatico bolognese Michelangelo Sforza. Miglior ticinese, l’intramontabile Anntonio Schneider. L’Under 16 di sabato pomeriggio ha visto trionfare il giovanissimo luganese Davide Milutinovic. Secondo ad 1 punto, Samuel Vanossi e, 3° l’italiano Tommaso Manfredi che ha totalizzato 4,5 su 7. Con 51 partecipanti il festival di Mendrisio sta letteralmente rinascendo da un glorioso passato. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.