Problemi 46-50/2013

Il più forte programma di scacchi porta il nome del pericoloso lucertolone indonesiano Komodo.

Dal 26 agosto al 1 dicembre 2013 si è disputata la 4° TCEC (Thoresen Chess Engines Competition) definita anche come il campionato del mondo non ufficiale dei programmi di scacchi.

Per Martin Thoresen, promotore e direttore della manifestazione, è fondamentale che la forza di gioco dipenda esclusivamente dal programma. Per questo motivo tutti i partecipanti non possono far capo a qualsiasi tipo di banche dati (partite, aperture, finali) e tutte le partite devono essere disputate sugli stessi computer. Ciò giustifica l’estrema durata della competizione che, sebbene si giochi ininterrottamente 24 ore su 24, consente di disputare al massimo c. 5-6 partite a al giorno (cadenza 2 ore + 30 secondi bonus per mossa).

Alcune altre regole particolari della competizione:

  • L’inizio della partita viene sorteggiata a caso tra le più frequenti aperture giocate nelle competizioni di alto livello degli ultimi tre anni. La partita vera e propria inizia quindi dalla posizione che si presenta dopo la 6° mossa.

  • La partita è dichiarata patta se, dopo aver giocato almeno 40 mosse la valutazione di ambedue i programmi rimane tra -0.05 e +0.05 punti per la durata di 5 mosse consecutive senza spinta di Pedone o cattura di una Figura.

  • La partita è vinta se la valutazione di ambedue i programmi rimane superiore a 6.5 punti (netto vantaggio Bianco) o inferiore a -6.5 punti (netto vantaggio Nero) per 4 mosse consecutive o se un programma annuncia il matto in meno di 30 mosse.

Il TCEC comprende ben 4 fasi eliminatorie che scremano man mano i partecipanti; da 36 a 19, da 19 a 10, da 10 a 6 e infine da 6 a 2. La sfida tra i due finalisti comprende ben 48 partite.

Le tre precedenti edizioni sono state dominate da HOUDINI che però questa volta, a causa del numero eccessivo di patte, ha dovuto accontentarsi con il 3° rango. La combattutissima finale si è decisa solo all’ultima partita e ha visto vincitore il programma KOMODO che ha battuto STOCKFISH con il punteggio di 25 a 23 (10 vittorie, 8 sconfitte e 30 pareggi).

Purtroppo il destino non è stato favorevole all’americano Don Dailey (specialista informatico e programmatore) che con il connazionale GM Larry Kaufmann (campione del mondo seniori di scacchi nel 2008) ha sviluppato il programma. Egli infatti non poté festeggiare la vittoria quale migliore programmatore di scacchi (sogno che inseguiva sin dagli inizi degli anni `80) perché morì di leucemia pochi giorni prima della finale.

In allegato trovate 5 schede con problemi tratti dalle partite delle scorse settimane.

Problemi 46/2013

Problemi 47/2013

Problemi 48/2013

Problemi 49/2013

Problemi 50/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.