Problemi 28-2013

“Finché giocherete a scacchi, non dovrete pagare le imposte!”

Purtroppo questo decreto non è stato emanato recentemente dal Governo ticinese, ma risale al tardo medioevo, quando alcuni regnanti del nord-est dell’attuale Germania lo indirizzarono esclusivamente agli abitanti di Ströbeck, un paesino rurale situato a c. 200 km a ovest di Berlino. Ma andiamo con ordine.

Secondo la leggenda nel 1011 Re Enrico II ordinò che il Duca Gunzelin fosse incarcerato in un luogo segreto. Il Vescovo Arnulf II, che assunse tale incarico, fece imprigionare il nobile nella Torre di Ströbeck e incaricò i contadini del paesino a fargli la guardia. Durante gli 8 anni di prigionia Gunzelin, che aveva origini slave, costruì una scacchiera e insegnò ai contadini il gioco del Re che allora era ancora poco conosciuto nel nord dell’Europa. Gunzelin si guadagnò ben presto la fiducia degli abitanti di Ströbeck e un bel giorno, miracolosamente, le catene si spezzarono ed egli riconquistò la libertà.

Nei decenni successivi i contadini continuarono a giocare a scacchi e anche al sud dell’Europa si sparse presto la voce che nel lontano nord, in mezzo alla sperduta campagna, esisteva un piccolo gruppetto di agricoltori analfabeti che però giocano molto bene a scacchi. Qualche viandante, mercante o nobile del sud cominciò a deviare dalle rotte principali e a sostare in prossimità di Ströbeck. Il paese guadagnò presto un certo grado di notorietà che non è passato inosservato ai governanti della regione. Vedendo un potenziale fonte di profitto dai nobili e facoltosi ospiti, decisero di esentare gli abitanti del villaggio dalle imposte, a condizione che questi s’impegnassero a mantenere attraverso le generazioni la disponibilità di offrire ai viaggiatori una partita a scacchi.

Attualmente i poco più di mille abitanti di Ströbeck pagano nuovamente le tasse, nonostante il comune rispetti tuttora i vecchi accordi medievali. Dal 1823 l’insegnamento del gioco degli scacchi rimane materia obbligatoria nelle scuole comunali. Inoltre se vi doveste innamorare di una ragazza di Ströbeck e avete intenzione di sposarla vi rendo attenti che la sposa ve la dovete guadagnare con una partita a scacchi contro un rappresentante degli enti comunali. Se perdete, potete scegliere tra sposare ugualmente la vostra amata con un borsellino nettamente più leggero oppure rimandare le nozze sperando di vincere la prossima sfida.

Il Deutscher Schachbund onora spesso Ströbeck disputando regolarmente nel paesino alcuni campionati nazionali. Alla fine di giugno si sono così disputati a Ströbeck i campionati nazionali open giovanili. Il torneo all’italiana è stato vinto dall’ungherese Peter Prohaszka che ha preceduto l’olandese Roeland Pruijssers e l’ucraino Andrey Vovk.

Nella scheda 28/2013 troverete oltre a 3 posizione decisive dal citato torneo di Ströbeck anche altri 5 diagrammi tratte dalle partite dal 47° Memorial Ilmar Raus in Estonia.

Problemi 28-2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.