Open di Stein am Rhein con tre ticinesi

Nella tranquilla cittadina rinascimentale di Stein am Rhein ha avuto luogo nel weekend tra l’1 e il 3 febbraio la prima edizione dell’Open internazionale di scacchi. 43 partecipanti si sono ritrovati sulle rive del Reno pronti a dare battaglia, tra questi anche tre ticinesi.

Claudio Boschetti, che ha organizzato l’evento in collaborazione con l’arbitro internazionale Jean-Dominique Coqueraut, ha concluso il torneo al settimo rango, risultando il miglior giocatore con meno di 2200 ELO. Se le prime due giornate l’hanno visto vincere con un po’ di fatica contro avversari sulla carta inferiori e perdere contro il maestro internazionale Sipos, domenica ha dato grande spettacolo: in mattinata ha “distrutto” la Caro-Kann del teutonico Koelbl, mentre nel pomeriggio ha pareggiato contro l’IM Kelecevic.

Sedicesimo rango finale per il sottoscritto, autore di un buon torneo. Qualche rammarico per il match contro l’olandese Goldstern: per la secondo volta in poche settimane ho ottenuto un pedone di vantaggio contro un maestro fide, ma in un finale pari mi è stato impossible vincere la partita.

Presente anche il sempreverde Antonio Schneider. Con due punti e il 30esimo rango finale, il suo torneo può essere definito discreto. Peccato aver steccato il secondo turno contro un avversario abbordabile.

Per la cronaca, la vittoria è andata al già citato IM Istvan Sipos, che ha preceduto di mezzo punto il terzetto di maestri internazionali composto dal tedesco Zeller e dagli altri ungheresi Hajnal e Galjas.

Per concludere un grazie particolare a Rolf Zahner per la promozione dell’evento e per la sua gentilezza e accoglienza.

Risultati completi su www.chess-results.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.